[...] Dopo la prima incisiva riforma della PA del 2009 (decreto legislativo n. 150/2009) volta a sostenere l’efficienza, il merito e l’integrità della PA, la trasparenza è stata definita in termini di “accessibilità totale”, rafforzando la messa a disposizione di cittadini e imprese di informazioni di interesse generale e sviluppando l’open data.
guidoromeo
La "messa a disposizione" delle informazioni non basta. va previsto un sistema che permetta ai cittadini di richiedere (ed effettivamente ottenere) le informazioni che chiedono. Un sistema che decide dall'alto quali informazioni i cittadini hanno diritto di ottenere non è un sistema davvero aperto e quindi non si può parlare di open governement. Meccanismi consultivi non bastano: è necessario puntare a un sistema più performante dell'attuale legge sull'accesso agli atti (L. 241/90) di difficile applicazione e misconoscita dagli stessi dipendenti della PA. Per esempio: http://tiny.cc/pu6ncw
guidoromeo, 12/04/2012 22:51
raffaele fiengo
#allalucedelsole RT un gruppo di giornalisti, professori e studiosi di Pubblica amministrazione sta preparando le proposte per l'introduzione urgente in Italia di un Freedom of Information Act FOIA
raffaele fiengo, 14/04/2012 16:42
Luigi Reggi
le precedenti riforme non sono state incisive?
Luigi Reggi, 16/04/2012 10:11
Luigi Reggi
il concetto di "accessibilità totale" è un po' ridicolo
Luigi Reggi, 16/04/2012 10:11
Francesco Formisano
Mi sembra che quella in questione sia una riforma solo annunciata, mai avvenuta. L'unica cosa è aver fissato un paletto alle nuove assunzioni, e sinceramente ci noto poco di genialità o di buono. Non sono il numero dei lavoratori il problema!
Francesco Formisano, 17/04/2012 15:23