[...] Ad oggi, a livello statale, la maggior parte delle amministrazioni ha adottato il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità, in cui sono stati specificati tempi e modalità di pubblicazione dei dati “pubblici” e l’individuazione delle iniziative in materia di trasparenza e di integrità. Molte amministrazioni hanno inoltre nominato al loro interno un Responsabile per la Trasparenza con la funzione di coordinare il processo di redazione e aggiornamento del Programma triennale e la quasi totalità degli enti ha istituito la sezione “Trasparenza, valutazione e merito” in cui rendere accessibili ai cittadini, facilmente confrontabili tra loro e rielaborabili, i dati relativi all’organizzazione, alle attività e all’uso delle risorse pubbliche. Per una maggiore semplificazione e fruibilità dei dati da parte dei cittadini, Civit ha inoltre fornito un elenco degli obblighi di pubblicazione e ha richiesto la pubblicazione del Programma triennale e dei dati in almeno un formato aperto e standardizzato.
Benedetto Ponti
Se si vuole davvero introdurre l'Open Data, occorre che almeno laddove le amminisrazioni sono obbligate alla pubblicazione di certe informazioni, queste debbano essere pubblicate in formato Open. Le indicazioni della Civit (molto ben venute) sono insufficienti, perchè non in grado di vincolare effettivamente le amministrazioni, e sostanzialemnte prive di sanzione. INTRODURRE nel decreto 150/2009 l'obbligatorietà del formato aperto come modalità standard (by default) di pubblicazione delle informazioni da parte delle PA.
Benedetto Ponti, 16/04/2012 17:31