Agenzia delle Entrate: chiarimenti sulla chiusura delle partite IVA

E’ sufficiente il pagamento di 129 euro entro il 4 ottobre 2011 per chiudere una partita Iva inattiva. Con la risoluzione 93 del 21 settembre 2011,  l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per fruire del beneficio occorre utilizzare esclusivamente il modello F24 “Elementi identificativi”, indicando la partita Iva da chiudere.


Con il versamento della sanzione ridotta,  sono sanate anche le irregolarità dovute alla mancata presentazione delle dichiarazioni annuali d’ IVA.
L’Agenzia chiarisce  che per beneficiare dell’agevolazione è necessario che il soggetto richiedente non abbia esercitato attività autonoma e non abbia effettuato  alcuna operazione nei periodi successivi all’anno di effettiva cessazione dell’attività.
Oltre a questo provvedimento, il decreto legge 98/2011 ha introdotto l’istituto di “revoca d’ufficio” delle partite Iva, nel caso in cui venga accertato il mancato svolgimento dell’attività per tre annualità consecutive o per mancata presentazione della dichiarazione annuale.

Per informazioni:
Agenzia delle Entrate