Cittadinanza: dal 1° giugno la competenza passa ai prefetti

Dal 1° giugno 2012, come reso noto dalla Direttiva del Ministro dell'Interno del 7 marzo 2012  pubblicata  in Gazzetta Ufficiale, i prefetti assumono la competenza di adottare provvedimenti in materia di concessione o diniego della cittadinanza nei confronti di cittadini stranieri coniugi di cittadini italiani.


Nel caso in cui, invece,  il coniuge straniero abbia la residenza all’estero, la competenza per la cittadinanza spetterà al capo del Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione; al Ministro dell’Interno nel caso in cui sussistano ragioni inerenti alla sicurezza della Repubblica.

Il provvedimento rientra nell’ambito delle azioni messe in atto dal Ministero nell’ottica della semplificazione dei rapporti tra pubblica amministrazione e cittadini.

Per informazioni:
Ministero dell'Interno