Enti locali: riduzione delle Province e città metropolitane

Il Consiglio dei ministri ha varato il decreto-legge, n.188 del 5 novembre 2012, che ridisegna  a partire dal 2014  la mappa delle Province, nelle Regioni a Statuto Ordinario, riducendole da 86 a 51.

Dal 1° gennaio 2013 le giunte delle province italiane saranno soppresse e il presidente potrà delegare l’esercizio di funzioni a non più di 3 consiglieri provinciali.

Dal 1° gennaio 2014, invece, diventeranno operative le città metropolitane  che sostituiscono le province nei maggiori poli urbani del Paese.
 

 Restano fermi il divieto di cumulo di emolumenti, per le cariche presso gli organi comunali e provinciali, e l’abolizione degli assessorati. Gli organi politici avranno sede esclusivamente nelle città capoluogo.

Sul sito del Ministero dell'Interno è consultabile la cartina con  la nuova mappatura.

 

Il riordino delle province fa parte di una riforma più ampia che prevede la riorganizzazione degli uffici territoriali di governo  ( come le prefetture,  le questure,  la motorizzazione civile, etc.).

 

  

Per informazioni:
Governo