Forum dedicati alla salute: crescono le tutele per gli utenti

D’ora in poi, i gestori di siti e social network dedicati alla salute dovranno inserire una specifica “avvertenza” che informi gli utenti sui rischi di esporsi in rete con la propria patologia.

Lo stabiliscono le Linee guida sui siti web dedicati alla salute approvate dal Garante della privacy e pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2012.

Cresce, infatti,  il numero  dei fruitori di siti web, blog e forum che chiedono consigli e consulenti in merito ad una specifica patologia con il rischio concreto di rendersi identificabili sul web proprio per questa.

C’è la possibilità, infatti,  che tali informazioni possano essere indicizzate dai motori di ricerca o conosciuti da altri utenti internet non necessariamente iscritti al sito.
Grazie alla presa in visione dell’ “avvertenza di rischio”, barrando l’apposita casella,  l’utente sceglierà liberamente se inserire o meno i dati personali che possono rilevare, anche indirettamente, la propria identità o quella di terzi.
Il Garante ha, infine, stabilito che i dati raccolti dai gestori dei siti dovranno essere trattati con la massima sicurezza, da personale autorizzato, e restare riservati.

Per informazioni:
Governo