Frodi: nuove norme approvate dal Consiglio dei Ministri

Un sistema pubblico di prevenzione delle frodi nel settore del credito al consumo, con specifico riferimento al furto d’identità: è stato istituito grazie al nuovo decreto legislativo sulle frodi creditizie. Il testo, che è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il 23 marzo, modifica e integra il decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141.

Il nuovo decreto dispone una deroga alla normativa sulla privacy. Le società finanziatrici potranno avere informazioni su documenti d'identità, partite Iva, codici fiscali, dichiarazioni dei redditi, posizioni previdenziali e assistenziali dei consumatori che hanno chiesto un prestito, una dilazione o uno slittamento dei pagamenti.

Per saperne di più
 Governo