Inps: in scadenza termine per comunicare dati pagamento elettronico pensioni

Scade il 30 settembre 2012 il termine entro cui i pensionati devono comunicare all'Inps le nuove modalità di riscossione (conto corrente o libretto di risparmio postale) delle pensioni sopra i 1000 euro.

L’obbligatorietà dei pagamenti elettronici per le pensioni di tale importo è stata stabilita dalla legge n. 214 del 22 dicembre 2011, il cosiddetto decreto Salva-Italia.

Dopo il primo termine previsto dal decreto, era stata stabilita una proroga al 30 giugno 2012 per l'onere di comunicare i dati, trascorsa la quale si era comunque deciso, per quei pensionati che ancora non avessero comunicato le nuove modalità di pagamento, di disporre i pagamenti mensili in un conto di servizio transitorio, in attesa della comunicazione.

Ora, trascorsa l’ulteriore proroga del 30 settembre 2012 senza che il pensionato abbia comunicato i dati richiesti, le somme accantonate verranno restituite allInps.

Per venire incontro alle difficoltà dei pensionati, che per gravi e certificati motivi di salute, non possano recarsi presso gli uffici bancari e postali, si è stabilito che i soggetti delegati alla riscossione possano aprire un conto corrente o un libretto postale a nome del beneficiario, su cui ricevere il pagamento.

Ad oggi, meno di duemila persone devono ancora comunicare le modalità elettroniche di pagamento per l’accredito della pensione.

Per informazioni:
Inps