Legambiente: un dossier sui pesticidi a tavola

Anche nel 2011 risulta elevata la quantità di pesticidi rilevata dalle  Agenzie regionali per l’Ambiente nei campioni di ortofrutta e derivati esaminati,  nonostante una specifica direttiva europea (1107/2009/CE) regolamenti, in senso restrittivo,  l’immissione in commercio di tali sostanze.

Sono i dati contenuti in un dossier realizzato da Legambiente.

Le analisi condotte hanno evidenziato una maggior presenza di campioni  con  più e diversi residui chimici contemporaneamente. La maggior concentrazione si registra nelle verdure, nei prodotti derivati (in particolare nel vino) e nell’olio d’oliva.

L’esposizione diretta o indiretta a queste sostanze può avere effetti negativi, quali disturbi cronici a lungo termine, pericolosi soprattutto per i bambini, per le persone anziane e nei lavoratori del settore.

In ambito ambientale, questi  pesticidi  possono – invece – contaminare l’acqua, l’aria e il suolo.

Per informazioni:
Legambiente