Saldi di fine stagione, un vademecum del comune di Roma

Andranno avanti fino al 13 agosto i saldi estivi partiti, a Roma, sabato 2 luglio. Si intende per “saldi” e “vendite di fine stagione” – precisa il Dipartimento Attività Produttive – l’offerta di merci in giacenza (negozio e relativo magazzino) dei settori abbigliamento, calzature, tessile, pelletteria, pellicceria e biancheria. Il comune, in difesa dei consumatori, pubblica un vademecum minimo per evitare delusioni, tratto dai suggerimenti delle associazioni dei consumatori e dei commercianti: comprare preferibilmente in negozi conosciuti, confrontando i prezzi tra diversi esercizi; conservare lo scontrino (il negoziante è tenuto a cambiare articoli difettosi anche in presenza di cartelli con su scritto che “la merce a saldo non si cambia”); verificare che sia esposto il talloncino con prezzo pieno, percentuale di sconto e prezzo scontato – e che la merce a saldo sia fisicamente separata da quella a prezzo pieno –; controllare che l’etichetta sia regolare, con la composizione del capo e le istruzioni per il lavaggio. Occhio poi ai saldi oltre il 50%: può trattarsi di merce vecchia, di anni precedenti. Nulla di male in sé ma chi compra ha il diritto di saperlo. I diritti dell’acquirente stabiliti per legge: provare i capi, esclusa la biancheria intima; ottenere dal negoziante la garanzia biennale “per vizi occulti e assenza di qualità promessa”, dovuta anche nelle vendite a saldo; pagare, volendo, con carte elettroniche: gli esercenti devono accettarle anche con i saldi. In caso di problemi e disfunzioni, ci si può rivolgere alla Polizia Locale, direttamente al Comando o ai singoli Gruppi municipali, o segnalando il caso 060606, il contact center di Roma Capitale.

Image: