Sostanze stupefacenti in Italia: presentati i dati 2010

Sono stati presentati il 28 giugno 2011 i risultati sul consumo di droghe nella “Relazione annuale al Parlamento sull’uso di sostanze stupefacenti e sulle tossicodipendenze in Italia per l’anno 2011”.

I dati riguardano l’anno 2010 ed il primo semestre del 2011 e rilevano una prosecuzione del trend di calo dei consumi di sostanze stupefacenti in Italia: l’anno scorso si era registrato un calo di più del 20% dei consumi, dato che oggi è stato riconfermato con uno studio focalizzato su oltre 35mila giovani.
Le analisi del consumo di sostanze stupefacenti sono state eseguite utilizzando diverse fonti informative per stimare il fenomeno da vari punti di vista: i dati di consuntivo provengono dalle singole Amministrazioni dello Stato a vario titolo impegnate nel contrasto alla droga, nella prevenzione, cura e riabilitazione della tossicodipendenza.
 
Il dato più significativo riguarda la riduzione persistente dei consumi di sostanze stupefacenti e alcoliche (soprattutto nelle giovani generazioni), la riduzione della mortalità e della diffusione delle infezioni da HIV ed un contenimento delle epatiti.
La sostanza primaria maggiormente utilizzata, risulta essere l’eroina, con in calo l’uso iniettivo della stessa.
 
 
Per informazioni:  
Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento politiche antidroga