Unione Europea: etichettatura obbligatoria su tutta la carne

Da oggi i consumatori europei  potranno essere più informati su quello che mangiano grazie all’obbligo – deciso dai 27 Stati membri della Ue – di indicare il paese d’origine sull’etichetta di tutti i tipi di carne.

Non solo quindi sulla fettina di manzo, come avveniva dal 1996, ma anche sulla costoletta di maiale, quella di agnello, e anche sul petto di pollo e quello di tacchino. L’obbligatorietà di apporre nell’etichetta l’origine del prodotto, è già in vigore per la carne bovina, per l’ortofrutta, il miele e l’olio di oliva.
Sulla nuova etichetta il consumatore troverà anche i valori energetici e nutrizionali dei prodotti e l’indicazione di allergeni, per chi soffre di intolleranze alimentari.
Entro due anni dall’entrata in vigore di questa disposizione, l’Unione Europea dovrà decidere se estendere l’etichettatura obbligatoria  anche per la carne usata nei preparati alimentari, cioè per i prodotti animali trasformati.

Per informazioni:
Dipartimento per gli Affari Regionali