Immigrazione: richiesta di ricongiungimento familiare

Domanda: 

Come si deve presentare la domanda per ottenere il ricongiungimento familiare?

Risposta: 

Diventa pienamente digitale la procedura di presentazione della domanda di ricongiungimento familiare da parte di cittadini stranieri regolarmente soggiornanti.
A partire dal 17 agosto 2017, infatti, la documentazione allegata alla domanda inviata allo Sportello Unico per l'Immigrazione, presso la prefettura competente per il luogo di dimora del richiedente, dovrà essere inviata in modalità informatica, a cura dell'interessato.

Lo ricorda la circolare 2805 del 31 luglio 2017 del dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione, diramata a tutte le prefetture, con le istruzioni relative alla nuova procedura di inoltro della "domanda di nulla osta al ricongiungimento familiare" che entrerà appunto in vigore il 17 agosto 2017, ai sensi della legge 46 del 13/04/2017, che ha modificato l’articolo 29 del decreto legislativo 286/98.

La domanda di nulla osta al ricongiungimento, presentata con le consuete modalità telematiche dal cittadino straniero, dovrà quindi essere corredata della documentazione relativa ai requisiti richiesti circa il reddito e l’alloggio (così come previsto dall’art. 29, comma 3 del testo unico dell'Immigrazione), scannerizzata dall’interessato e inviata allegata alla richiesta di ricongiungimento. L'innovazione consentirà allo Sportello Unico di verificare i requisiti relativi all’alloggio e al reddito e procedere al rilascio del nulla osta entro 90 giorni - nuovo limite temporale imposto dalla norma - dalla presentazione della domanda.

Per approfondimenti: Ministero dell'Interno - Procedura informatizzata per le domande di ricongiungimento familiare

Aggiornata il: 
08/04/2014 - 15:42