Limiti alla guida di autoveicoli per i neopatentati

Domanda: 

Quali sono i limiti in vigore per i neopatentati alla guida?

Risposta: 

Ai titolari di patente di guida di categoria B, per il primo anno dal rilascio non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t.

Nel caso di veicoli di categoria M1,ai fini di cui al precedente periodo si applica un ulteriore limite di potenza massimo pari a 70 kW. Tale limitazione non si applica ai veicoli adibiti al servizio di persone invalide, purché la persona invalida sia presente sul veicolo.

Si ricorda inoltre che per i primi tre anni dal conseguimento della patente di categoria B non è consentito il superamento della velocità di 100 km/h per le autostrade e di 90 km/h per le strade extraurbane principali.

Le limitazioni alla guida e alla velocità sono automatiche e decorrono dalla data di superamento dell'esame di guida. Il titolare di patente di guida italiana, che nei primi tre anni dal conseguimento della patente circola oltrepassando i limiti di guida e di velocità stabiliti, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 161,00 a euro 674,00. La violazione importa la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della validità della patente da due ad otto mesi.

Sul sito Il portale dell'Automobilista è a disposizione degli utenti un servizio che consente di verificare, digitando la targa dell'autoveicolo, se un neopatentato ne è autorizzato alla guida.

Riferimenti normativi: Decreto Legislativo del 30 aprile 1992, n. 285 , "Nuovo Codice della Strada" (articoli 117, 188).

Aggiornata il: 
23/03/2017 - 00:00