Patente di guida europea

Domanda: 

Le patenti di guida rilasciate dagli Stati membri UE sono equiparate alle corrispondenti patenti di guida italiane?

Risposta: 

Per i titolari di una patente di guida rilasciata da uno Stato dell'Unione Europea è possibile guidare sul territorio italiano veicoli per i quali è valida la loro patente fino alla data della scadenza del documento.

Terminato il periodo di validità si deve rivolgere  all'Ufficio della Motorizzazione Civile e richiedere la conversione della patente estera, che sarà ritirata e restituita allo Stato emittente.

La conversione può essere richiesta volontariamente anche prima della scadenza della validità amministrativa della patente comunitaria.

La conversione deve essere richiesta obbligatoriamente:

  • dopo due anni dall’acquisizione della residenza nel nostro paese (anche residenza “normale”, cioè se vivi abitualmente o regolarmente in Italia);
  • se si è sottoposti ad un provvedimento di revisione della patente di guida.

Tutti i cittadini titolari di patente di guida rilasciata da uno Stato membro che acquisiscono la residenza in Italia devono osservare le disposizioni italiane in materia di durata di validità della patente e di controllo medico.
La scadenza dell’abilitazione alla guida può essere determinata dalla data di acquisizione della residenza in Italia in funzione della patente posseduta e dell’età del soggetto.

Per approfondimenti: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Aggiornata il: 
25/09/2014 - 00:00