Permesso di soggiorno per vittime di tratta

Domanda: 

Immigrata, vittima di tratta, ha diritto ad un permesso di soggiorno "speciale"? 

Risposta: 

Il permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale, viene rilasciato dal questore alle vittime della tratta, ai sensi dell' art. 18 del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286:

  • su proposta dei servizi sociali degli Enti locali o di enti del privato sociale iscritti in un apposito registro e convenzionati con l'Ente locale
  • su proposta del procuratore della Repubblica nel caso in cui sia iniziato un procedimento penale in relazione a fatti di violenza o di grave sfruttamento
  • di propria iniziativa.

Il permesso ha una validità di sei mesi rinnovabile per un anno o per un periodo maggiore richiesto per motivi di giustizia e permette l'accesso al servizio sanitario, l'iscrizione alle liste di collocamento, lo svolgimento di lavoro subordinato o di studio. Alla scadenza può essere convertito in permesso di soggiorno per lavoro o studio qualora lo straniero svolga appunto attività lavorativa o sia iscritto a un corso di studi.

La documentazione da presentare in questura consta di: modulo compilato; 4 fototessera; fotocopia del passaporto; documentazione inerente il programma di assistenza e integrazione sociale per lo straniero; accettazione degli impegni connessi al programma da parte del responsabile della struttura di assistenza.

Aggiornata il: 
24/10/2017 - 12:58