Versamenti e tributi attraverso i modelli F23 e F24

Come si effettuano i versamenti con i modelli F23 e F24 previsti dall’Agenzia delle entrate e quali tributi possono essere pagati con essi.

 

Il modello F24 consente di pagare con un’unica operazione le somme dovute, compensando il debito con eventuali crediti:

  • Per i versamenti di IRPEF, IRES, IVA e ritenute si utilizza la sezione Erario del modello;
  • Per le imposte regionali (IRAP e addizionale regionale all'IRPEF) la specifica sezione Regioni;
  • Per le imposte comunali la sezione IMU e altri tributi locali. Il modello F23 è previsto per il versamento di particolari imposte, tasse e sanzioni;
  • Per il versamento di tributi, contributi e premi è previsto l’utilizzo del modello F24 sia per titolari che non titolari di partita IVA.

Tributi e contributi che è possibile versare con il modello F24

Con l’F24 è possibile versare:

  • IRPEF ed IRES, ritenute sui redditi da lavoro e da capitale, IVA, imposte sostitutive,
  • IRAP,
  • addizionale regionale e comunale all’IRPEF,
  • accise,
  • imposta di consumo e di fabbricazione,
  • contributi e premi INPS, INAIL, ENPALS, INPGI, diritti camerali, interessi,
  • IMU, TARES, TARI e TASI, tributi speciali catastali,
  • interessi, sanzioni e oneri accessori per l’attribuzione d’ufficio della rendita presunta,
  • TARSU, TOSAP/COSAP,
  • canoni di locazione INPDAP,
  • alcune tipologie di proventi derivanti dall'utilizzo dei beni di Demanio e di Patrimonio dello Stato, sanzioni.

Altri versamenti possibili con il modello F24

Con il modello F24 vanno, inoltre, versate tutte le somme (compresi interessi e sanzioni) dovute in caso di: autoliquidazione da dichiarazioni, ravvedimento, controllo automatizzato e documentale della dichiarazione, avviso di accertamento (in caso di omessa impugnazione), avviso di irrogazione di sanzioni, istituti conciliativi di avvisi di accertamento e irrogazione di sanzioni.

Per approfondimenti si suggerisce di visitare la pagina dedicata  sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Tributi e contributi che è possibile versare con il modello F23

Può essere utilizzato per il pagamento di imposta di registro, ipotecaria e catastale, imposta sulle successioni e donazioni, sanzioni inflitte da autorità giudiziarie e amministrative, tasse erariali e demaniali. Per approfondire e scaricare il modello

Omessa presentazione del modello F24 con saldo a zero

La presentazione del modello è obbligatoria anche se il saldo per effetto della compensazione è zero. Per regolarizzare questa violazione è necessario presentare il modello F24 e versare una sanzione ridotta, pari a 6 euro (1/8 di 51 euro), se il ritardo non è superiore a 5 giorni lavorativi, 19 euro (1/8 di 154 euro), se il modello è presentato entro un anno.